giu 20

“I magistrati sono ormai una casta intoccabile per cui, anche come forma di ri-equilibrio dei poteri. Ben venga una legge, possibilmente costituzionale, che consenta guarentigie soprattutto per le più alte cariche dello Stato”. Lo ha sostenuto Il sottosegretario leghista al ministero delle Infrastrutture, Roberto Castelli, rispondendo a chi gli chiedeva un commento alle dure parole pronunciate oggi da Silvio Berlusconi a Bruxelles. “Serve una riforma - ha spiegato - possibilmente costituzionale che divida i tre poteri. Inoltre tutti i tecnici sono d’accordo nel rivedere il lodo Schifani per renderlo costituzionale, altrimenti non ne usciamo più”. Insomma, continua l’ex ministro della Giustizia, “bisogna fare una norma che metta a riparo le più alte cariche e forse così l’Italia diventa un paese normale e ci liberiamo dal sospetto che i magistrati agiscano sempre in modo politico.

icon1 Scritto da: | In: Informazione, Informazione Politica, Lega Nord
Il: 20 06 2008| Nessun Commento »
mag 20

Intervista a Giancarlo Castagna, presidente della Federazione delle Tradizioni Popolari.

Author: telepadaniatgnord
Keywords: Lega Nord Milano cultura tradizione Castagna
Added: May 20, 2008

apr 7

Italian Stars & StripesL’immagine del sindacato come di un soggetto responsabile, capace di interpretare gli interessi generali, si e’ dissolta e ha lasciato il posto a quella di una casta iperburocratizzata e autoreferenziale che ha perso via via il contatto con il paese reale, quello delle buste paga sempre piu’ leggere e delle fabbriche dove si muore troppo spesso. Un tentativo di indagare questa realta’ e’ rappresentato da “L’altra casta. Privilegi. Carriere. Misfatti e fatturati da multinazionale. L’inchiesta sul sindacato“, il volume di Stefano Livadiotti edito da Bompiani, in uscita il 9 aprile in tutte le librerie.

I sindacati sono oggi nel pieno di una profonda crisi di legittimita’, che rischia di cancellare anche i loro meriti storici. Lo strapotere e l’invadenza delle tre grandi centrali confederali, e le sempre piu’ scoperte ambizioni politiche dei loro leader, hanno prodotto nel paese un senso di rigetto. Lo documentano tutti i piu’ recenti sondaggi d’opinione: solo un italiano su venti, infatti, si sente pienamente rappresentato dalle sigle sindacali e meno di uno su dieci dichiara di averne fiducia. Stefano Livadiotti e’ una delle firme piu’ note de L’Espresso e da oltre venti anni si occupa di economia e di politica con inchieste, interviste e reportage.

Fonte: ADN Kronos
Creative Commons License photo credit: GlenShock

icon1 Scritto da: Lega Nord Landriano | In: Informazione Politica
Il: 7 04 2008| Nessun Commento »
set 20

Image Hosted by ImageShack.usUn rinvio a giudizio non si nega a nessuno. In questa Repubblica a sovranità giudiziaria da almeno 15 anni le Procure non fanno mai mancare a un inquisito – soprattutto se di rango - un bel processo.

La regola naturalmente ha un’eccezione. Se l’indagato è un politico di sinistra, o meglio diessino, il dibattimento non si fa. Da Occhetto a D’Alema, non c’è inchiesta che abbia lambito i vertici dell’ex partito comunista che si sia conclusa con una discussione di fronte ai giudici. Poteva andare in modo diverso a Vincenzo Visco? Potevamo avere il piacere di ascoltare in un’aula di tribunale le testimonianze di generali e colonnelli della Guardia di Finanza che accusano il viceministro dell’Economia di aver tentato di destituire i vertici delle Fiamme Gialle che indagarono sull’affare Unipol? Ovviamente il piacere – o se preferite – la legittima curiosità è negata agli italiani.

La storia è nota. Il Giornale la rivelò nel maggio scorso, allorché il nostro Gianluigi Nuzzi scoprì che in una testimonianza di fronte all’Avvocato generale dello Stato il comandante della Gdf, Roberto Speciale, aveva denunciato indebite pressioni da parte di Visco affinché sostituisse i militari che si erano interessati alla mancata scalata di Unipol a Bnl, un affare che vede direttamente coinvolti i vertici della Quercia.
Leggi tutto l’articolo »

icon1 Scritto da: Lega Nord Landriano | In: Informazione Politica
Il: 20 09 2007| Nessun Commento »
set 6

Image Hosted by ImageShack.usProblema: mutuo immobiliare. Soluzione: se sei un Pinco Pallino qualunque vale la dura legge del mercato globalizzato, se fai parte della «casta» ci mettiamo d’accordo. La nostra nomenklatura politica può contare, oltre che su molti privilegi che si è lei stessa assegnata, anche sulla fiducia incondizionata dei banchieri italiani.

Lo attesta il quotidiano economico Italia Oggi, che nell’edizione di ieri pubblica un’inchiesta sui rapporti fra alcuni «pezzi da novanta» del Palazzo come Piero Fassino, Fausto Bertinotti e Lorenzo Cesa e alcuni istituti di credito come Monte dei Paschi di Siena, Banca nazionale del lavoro e Banco di Napoli. L’oggetto di quei rapporti è il mutuo, fondiario o ipotecario, ottenuto dai politici a condizioni vantaggiose. Ma davvero, non ai tassi delle pubblicità che sono vantaggiosi per i finanziatori.
Leggi tutto l’articolo »

icon1 Scritto da: Lega Nord Landriano | In: Informazione Politica
Il: 6 09 2007| Nessun Commento »