gen 20

Image Hosted by ImageShack.us

Usando un gioco di parole fin troppo semplice, si potrebbe dire che il sole di Pecoraro Scanio ormai non ride piu’, perche’ si e’ eclissato dietro ad un cumulo di rifiuti. Battute a parte esiste una responsabilita’ politica oggettiva di chi ricopre il ministero dell’Ambiente rispetto ad un’emergenza rifiuti come quella della Campania. Oltretutto, il ministro dei Verdi e’ pure campano, per cui diventa davvero difficile credere che non conosca il territorio ed i suoi annosi problemi. Prima della nuova emergenza rifiuti campana Pecoraro Scanio era onnipresente sui media, col suo consueto sorriso ammiccante. Nelle ultime settimane, invece, del ministro in questione non vi e’ traccia. Problemi di coscienza? L’unica cosa che si puo’ dire e’ che un buon ministro non scappa d’innanzi ai problemi, ma semmai cerca in qualche modo di risolverli. Magari anche sbagliando, ma cerca di risolverli.

icon1 Scritto da: Lega Nord Landriano | In: Lega Nord
Il: 20 01 2008| Nessun Commento »
dic 2

LAVORATORI FORESTALI

1. Sicilia 30.754
2. Calabria 9.600
3. Toscana 840
4. Umbria 646
5. Piemonte 559
6. Veneto 420
7. Lombardia 400
8. Friuli VG 50

GLI ETTARI DI BOSCO

1. Toscana 1 milione
2. Piemonte 875 mila
3. Veneto 642 mila
4. Lombardia 600 mila
5. Calabria 600 mila
6. Umbria 385 mila
7. Sicilia 366 mila
8. Friuli VG 285 mila

GLI INCEDI 2006

1. Calabria 983
2. Sicilia 935
3. Sardegna 680
4. Toscana 491
5. Campania 471
6. Liguria 379
7. Puglia 307
8. Piemonte 280
9. Lazio 274
10. Lombardia 156
11. Basilicata 153
12. Friuli VG 118
13. Umbria 71
14. Emila R 65
15. Trentino AA 64
16. Molise 57
17. Abruzzo 56
18. Veneto 49
19. Marche 35
20. Valle d’Aosta 19

TOTALI ETTARI BRUCIATI

1. Sicilia 13.470
2. Calabria 7.955
3. Sardegna 4.412
4. Puglia 3.134
5. Campania 2.223
6. Lazio 1.922
7. Liguria 1.547
8. Piemonte 1.174
9. Basilicata 1.067
10. Lombardia 810
11. Toscana 611
12. Friuli VG 456
13. Abruzzo 340
14. Molise 213
15. Umbria 187
16. Emilia R 155
17. Valle d’Aosta 92
18. Marche 91
19. Veneto 79
20. Trentino AA 6

Fonte: Corpo Forestale dello Stato - Elaborazione - Legambiente

icon1 Scritto da: Lega Nord Landriano | In: Informazione Politica
Il: 2 12 2007| Nessun Commento »
mag 13

di Raffaele Volpi

Non ne posso proprio più di farmi prendere in giro. Non sopporto più di leggere un giornale o vedere un servizio televisivo dove gente che vive in mezzo ai rifiuti si oppone in modo veramente incredibile alla localizzazione di qualsiasi impianto di smaltimento o stoccaggio. Basta! Rivoglio la mia dignità, anzi la rivendico, la pretendo.

Non sopporto oltre di farmi dire che la solidarietà tra regioni è un legante essenziale per questo Paese. Questa bella solidarietà che mi fa protagonista del “Bel Paese” si concretizza così: i miei soldi in cambio dei loro rifiuti.

Impossibile reggere oltre il peso della presa in giro. Inutile, ormai, lo sforzo che faccio per cercare di comprendere e farmene una ragione. Non capisco, anzi capisco troppo. So che da noi i Sindaci, gli amministratori locali e regionali si sono presi la responsabilità di essere anche impopolari prendendo decisioni che sapevano difficili, ma necessarie.
Leggi tutto l’articolo »

icon1 Scritto da: Lega Nord Landriano | In: Informazione Politica
Il: 13 05 2007| Nessun Commento »
mar 25

Altro che tre miliardi. Ne servono molti di più visto il buco-sanità della Regione Campania. Stiamo parlando del fondo previsto dalla Finanziaria per le Regioni con i maggiori disavanzi di cassa.

Quei tre miliardi sbloccati dal Consiglio dei ministri pochi giorni fa per il ripiano del debito sanitario, collezionato dalle amministrazioni regionali fino a due anni fa, non sono più sufficienti. La Campania di Bassolino, che dichiarava un deficit di 320 milioni di euro, dice ora di aver sbagliato i conti: il buco è di 2 miliardi e trecento milioni.

[Data pubblicazione: 25/03/2007]

icon1 Scritto da: Lega Nord Landriano | In: La Padania
Il: 25 03 2007| Nessun Commento »
mar 18

Image Hosted by ImageShack.us(somaro lombardo)

Il governo Prodi tappa i buchi della sanità del Lazio (2,3 miliardi di Euro)…
… e taglia i trasferimenti sanitari alla Regione Lombardia!

SVEGLIA LOMBARDI!

* La Regione Lazio ha un debito dovuto alla spesa sanitaria di ben 10 miliardi di Euro (20.000 miliardi delle vecchie lire): una cifra enorme pari a un terzo della manovra Finanziaria 2007;

* Il Governo Prodi ripiana questo debito con alcuni interventi, tra cui spicca il finanziamento di ben 3 miliardi di Euro (6.000 miliardi di lire!) destinati alle regioni indebitate (Lazio, Campania, Abruzzo, Molise e Liguria); di questi 3 miliardi di euro ben 2,3 (più di 5.000 miliardi di lire!) sono destinati solo alla Regione Lazio!!!!

* Contemporaneamente, la Finanziaria del Governo Prodi taglia a tutte le regioni i soldi destinati a coprire i ticket sanitari, per una cifra pari a 811 milioni di euro, demandando alle stesse il compito di recuperare i fondi tagliati e obbligandole ad applicare nuovi ticket ai cittadini per ripianare la spesa sanitaria,

* Da una parte le regioni che, con l’introduzione del ticket, hanno messo un freno alla spesa sanitaria. Dall’altra le regioni che, come il Lazio non hanno introdotto il ticket e pertanto ora hanno una spesa sanitaria fuori controllo;

Questo Governo, come al solito, punisce i cittadini lombardi. Con i soldi del Nord, ripiana i debiti delle regioni governate dal Centro - Sinistra!!!

PER ROMA LADRONA IL MOTTO E’ SEMPRE QUELLO
PAGA E TACI SOMARO DEL NORD!!!

Scarica il volantino qui!

icon1 Scritto da: Lega Nord Landriano | In: Informazione Politica
Il: 18 03 2007| Nessun Commento »
gen 2

Ormai è inutile coltivare speranze: trascorse le ferie natalizie, la “furia riformatrice” di questo governo si abbatterà anche sul sistema delle pensioni. E in attesa che Prodi ci metta le mani sopra e ne contamini definitivamente le potenzialità, la Cgia di Mestre ha provveduto a elaborare un’istantanea della situazione previdenziale in Italia nel corso del lustro 2000-2005.

Si può così scoprire che l’aumento totale delle pensioni ammonta a 1.221.616 unità. In termini assoluti la quota raggiunta è pari a 23.257.480 assegni erogati ai nostri pensionati da tutti gli enti previdenziali italiani. L’incremento medio espresso in termini percentuale è quindi pari al 5,54%. A guidare la classifica degli aumenti sono le regioni del Sud. La Campania è leader in questa graduatoria con il 13,43%, segue la Calabria con l’11,60%. Unica eccezione tra le regioni del Nord è la Valle d’Aosta che si piazza al terzo posto con un incremento, registrato sempre tra il 2000 e il 2005, del 11,50%. Al quarto posto la Sardegna (11,02%) e al quinto la Puglia (10,78%). Anche le pensioni assistenziali (e quindi le pensioni e gli assegni sociali, le pensioni di indennità agli invalidi civili, etc.) hanno subito un incrmento medio del 41,05% a fronte di una media dlle pensioni Ivs (quelle di invalidità, vecchiaia, anzianità e superstiti) dell’1,72% e a una contrazione di quelle indennitarie (legate agli infortuni sul lavoro e alle malattie professionali) pari al 16,8%.
Leggi tutto l’articolo »

icon1 Scritto da: Lega Nord Landriano | In: Informazione Politica
Il: 2 01 2007| Nessun Commento »
gen 2

Perché Prodi e la sua maggioranza hanno deciso di riunirsi in “conclave” a Caserta per fare il punto della strategia di governo all’inizio del nuovo anno? La risposta è inscritta nei sacri testi marxisti, in particolare nell’incipit del Manifesto del Partito Comunista, che possiamo parafrasare così: «Un fantasma si aggira per l’Italia, quello del Nord».

Spettro in realtà corposissimo, visto che trascina dietro di sé, assieme alla canoniche catene, la produzione di beni e servizi dell’intero Paese. Ma per questo governo di sinistra-centro il Nord resta un ectoplasma, un’entità evanescente sul piano della influenza politica: salvo poi quando c’è da spremere quel che basta per soddisfare gli appetiti sulla redistribuzione di reddito tanto cara ai massimalisti della sinistra estrema e dei sindacati. Ai danni di ceti medi, piccole imprese, professionisti, ma anche della scuola, della sanità, della ricerca, degli apparati della sicurezza.
Quando però, torchiati ben bene i padani, i loro redditi e risparmi, ci si deve sedere intorno a un tavolo per disegnare le linee portanti dell’azione dell’Esecutivo, allora una qualsiasi città del Nord, una Torino, una Milano, una Venezia, con le straordinarie sedi che i loro edifici storici potrebbero offrire, non va bene.
Leggi tutto l’articolo »

icon1 Scritto da: Lega Nord Landriano | In: Informazione Politica
Il: 2 01 2007| Nessun Commento »
nov 10

Pubblichiamo la copia della richiesta effettuata dall’opposizione Sostieni Landriano e firmata, tra gli altri, dal Segretario della nostra sezione, Luigi Codazza.

Al Signor Prefetto Dott. Cosimo Macrì

OGGETTO: IRREGOLARITA’ CONVOCAZIONE CONSIGLIO COMUNALE

Il Gruppo Consiliare Sostieni Landriano, premesso che il Comune di Landriano non si è ancora dotato di un Regolamento del Consiglio Comunale, segnala un’irregolarità nei termini della convocazione del Consiglio Comunale datata 06.11.2006 per l’adunanza prevista il 10.11.2006 alle ore 21.00 (si allega copia della convocazione).

Come si evince dall’art. 125 del R.D. 148/1915, tuttora vigente, e da numerose sentenze dei TAR, fra le quali la sentenza TAR per la Campania di cui si allega uno stralcio, il giorno di invio della convocazione e quello in cui si tiene l’adunanza non vanno computati ai fini del conteggio dei giorni di preavviso con cui la convocazione deve essere inviata ai Consiglieri.

Poiché la convocazione è datata 06.11.06 e l’adunanza è prevista per il 10.11.06, i giorni di effettivo preavviso risultano essere inferiori rispetto a quanto previsto dalla legge.

Pertanto si richiede alla S.V. di invalidare la convocazione e la conseguente seduta del Consiglio Comunale, con preghiera di comunicare al Capogruppo del Gruppo Consiliare Sostieni Landriano, Natalino Zasso le disposizioni che la S.V. vorrà impartire in tempo utile per permettere che tutti i consiglieri ne siano avvisati, compatibilmente con gli orari del Comune di Landriano (presumibilmente entro le ore 12.00 di venerdì 10.11.2006).

Landriano, 09.11.2006

icon1 Scritto da: Lega Nord Landriano | In: Informazione Locale, Sostieni Landriano
Il: 10 11 2006| Nessun Commento »

Articoli Successivi »