mar 28

Image Hosted by ImageShack.us

Per non avere più paura di vivere nelle nostre case, di passeggiare sulle nostre strade, di lavorare nei nostri esercizi commerciali. Per garantire la nostra incolumità e quella delle nostre famiglie.

Clicca sull’immagine per avere il volantino da stampare e distribuire a tutti i tuoi conoscenti!

icon1 Scritto da: Lega Nord Landriano | In: Informazione Locale, Lega Nord
Il: 28 03 2009| Nessun Commento »
feb 21

Quella appena trascorsa è stata una brutta mattinata a Landriano. Uno dei due filari di alberi che percorreva via Milano è infatti stato abbattuto senza alcuna motivazione plausibile. Alberi cari ai landrianini, sotto i quali potevano passeggiare tranquillamente all’ombra anche in piena estate. Forse qualche pianta sarà stata malata, forse correva il pericolo di cadere nella roggia adiacente, ma quello che stupisce tutti noi è stata la decisione di abbattere una quarantina di alberi completamente e in una volta sola. Possibile fossero tutti malati e pericolanti?

Non possiamo che giudicare pessima l’idea di eseguire questo genere di operazioni il sabato mattina, visto l’elevato numero di persone che si dirigono verso il mercato percorrendo quel tratto di via Milano. Non solo: la segnaletica e le precauzioni in merito alla sicurezza dei lavoratori e dei passanti sono state palesemente inadeguate. Ciliegina sulla torta il cingolato che durante i lavori ha ovviamente rovinato parte della pavimentazione stradale.

Nel 1952 Adlai Stevenson disse di Nixon. “E’ il tipo di politico capace di tagliare un albero in fiore e poi salire sul tronco e tenere un discorso sulla conservazione”: una citazione che calza a pennello sul Sindaco di Landriano. Stando all’umore dei cittadini, in molti finalmente se ne sono accorti.

icon1 Scritto da: Lega Nord Landriano | In: Informazione Locale, Lega Nord
Il: 21 02 2009| Nessun Commento »
gen 7

Ad oggi le 3 ipotesi al vaglio.

1) Cai chiude l’accordo con AirFrance, non si liberalizzano le rotte, perchè è questo che chiedono Airfrance e Colannino, i voli internazionali partono da fiumicino o Parigi, il famoso Charles De Gaulle. Ricordiamoci questo è l’hub di Airfrance, cioè la base della compagnia di bandiera francese, ed è il competitor territoriale dei nostri aeroporti.

Risultato: Colannino e airfrance aumentano i profitti, si avete letto bene gli imprenditori aumentano i profitti perchè per 5 anni mantengono il monopolio dei voli italiani e airfrance liquida il competitor strategico potenziale (cioè elimina l’unico aeroporto che può far loro concorrenza). Dettaglio da non dimenticare al Charles de Gaulle i voli intercontinentali, le rotte e gli slot sono praticamente gestione diretta della compagnia di bandiera francese…ergo per noi è finita.

2) Cai fa l’accordo con Lufthansa, in questo caso l’aeroporto di malpensa diventa uno dei tre hub della compagnia tedesca, i voli confluiscono sul territorio varesino e noi nell’arco di circa 12 mesi riprendiamo la capacità di volare in tutto il mondo.

Capite bene che anche qui la questione è solo di mercato e le due compagnie più forti in europa si scatenano in una guerra di concorrenza. Risultato a medio e lungo termine Malpensa riprende a pieno regime
Attenzione, però ci leghiamo mani e piedi ad una compagnia sola, quindi abbiamo un partner forte…..ma è solo uno.

3) Liberalizzazione delle rotte, con comprensiva riattività degli slot (cioè degli spazi aerei di atterraggio e decollo negli aeroporti) questo procedimento è un po’ più lungo ma dà la possibilità di avere nel proprio aeroporto diverse compagnie ( o come si dice vettori) che possono circolare e creare nuovo business.

Leggi tutto l’articolo »

icon1 Scritto da: Lega Nord Landriano | In: Informazione Locale
Il: 7 01 2009| Nessun Commento »
dic 9

Image Hosted by ImageShack.usI Consiglieri Comunali del Gruppo di Minoranza di Landriano denunciano pubblicamente la gravità di un fatto accaduto pochi giorni fa.

Nella serata di giovedì 27 novembre 2008 si è verificato un grave incidente a Landriano: un’auto si è scontrata con un TIR sulla SP2 all’altezza dell’incrocio con la strada sterrata che conduce alla nuova logistica. Per quanto spetti alle forze dell’ordine chiarire la dinamica dell’incidente e le eventuali responsabilità, sembrerebbe che il TIR si sia immesso nella SP2, proprio dalla strada di accesso al nuovo stabilimento logistico di Landriano.

Proprio qualche settimana fa, la Minoranza aveva denunciato tale incrocio come insicuro e pericoloso mediante un esposto indirizzato alla Prefettura di Pavia, alla Procura della Repubblica, alla Regione Lombardia e alla Provincia di Pavia. I Consiglieri Comunali sottolineavano che i mezzi pesanti diretti allo stabilimento produttivo accedono ai capannoni attraverso una stradina sterrata di servizio (classificabile come “strada bianca”) anziché utilizzare il percorso previsto nel progetto (i cui lavori non sono ancora ultimati) e cioè la nuova viabilità di connessione con la SP 412 che permetterà l’adeguato accesso al sito. La stradina in questione sembra, infatti, non presentare i requisiti prestazionali consoni ad una piattaforma stradale atta ad ospitare tale tipologia di transito pesante e si evidenziava proprio la pericolosità della situazione per la pubblica incolumità.
Leggi tutto l’articolo »

icon1 Scritto da: Lega Nord Landriano | In: Informazione Locale, Sostieni Landriano
Il: 9 12 2008| Nessun Commento »
dic 4

Image Hosted by ImageShack.usApprendiamo dalla stampa che il Comune ha iniziato ora la ricerca di nuovi spalatori. Come già denunciato in passato, e come direbbe il buon senso, crediamo questo genere di reclutamento debba essere fatto con largo anticipo evitando di aspettare l’ultimo momento. Suona ora ridicolo cercare spalatori quando ormai la prima neve è già caduta.

Stonata anche l’ordinanza che impone ai landrianini la pulizia di strade e marciapiedi. Il Comune dovrebbe dare prima di tutto il buon esempio, attrezzandosi per tempo, e solo in secondo luogo chiedere la collaborazione della cittadinanza, evitando i toni minacciosi dell’ordinanza stessa. Anzichè buttare via i soldi nei manifesti pro Obama, si sarebbe potuto ad esempio distribuire ai proprietari di case le “sostanze antisdrucciolo” citate come obbligatorie nell’ordinanza: sicuramente un gesto per incoraggiare i landrianini alla partecipazione attiva nel tenere in ordine le vie del paese.

Ci risulta infine che molti dei cumuli di neve rimasti nelle strade per giorni e giorni, fatto unico in tutto il circondario, siano stati causati proprio dai mezzi spazzaneve ingaggiati dal Comune. Un fatto che indispettisce, perchè da una parte si pretende un comportamento virtuoso da parte dei cittadini, mentre dall’altra si dimostra un pressapochismo che è la costante di questa amministrazione.

icon1 Scritto da: Lega Nord Landriano | In: Informazione Locale
Il: 4 12 2008| Nessun Commento »
nov 12

Image Hosted by ImageShack.usNegli scorsi giorni la Lega Nord Landriano ha inviato un’email di congratulazioni al Presidente Eletto Barack Obama con i più sinceri auguri di buon lavoro. Come Obama, anche noi siamo pronti a scommettere sul “cambiamento”, soprattutto a livello locale. Confidiamo che il rinnovamento tocchi anche Landriano, lasciando spazio a giovani entusiasti che possano portare lo spirito che ha animato la campagna elettorale di Barack Obama.

Nello stesso tempo chiediamo un “cambio” nel modo di considerare i fondi comunali, perchè se è vero che siamo in un periodo di crisi, allora è certo che vadano soppesati anche i singoli euro. E’ d’obbligo chiedersi se i manifesti ed i volantini di congratulazioni siano strettamente necessari, quando vengono pagati dal Comune di Landriano e quindi da tutti noi. O i soldi ci sono e quindi non c’è da lamentarsi della crisi e del governo, oppure non ci sono e ci si deve attenere ai bisogni indispensabili e basilari dei landrianini.

icon1 Scritto da: Lega Nord Landriano | In: Informazione Locale, Informazione Politica, Lega Nord
Il: 12 11 2008| Nessun Commento »
nov 7

Anche la Lega Nord Landriano esprime il parere contrario ai provvedimenti di clemenza con un secco NO ALL’INDULTO.

Di fronte ai dati che dimostrano che nelle carceri il numero di galeotti abbia superato quello pre-indulto, non possiamo che confermare la nostra condanna su un provvedimento di clemenza che non ha portato altro che nuovi lutti. Le carceri si sono nuovamente riempite anche di quei “signori” che hanno beneficiato dello sconto di pena.

I partiti e i singoli parlamentari che hanno votato “sì” al provvedimento, portano la responsabilità politica di quanto sta avvenendo nelle nostre città: più delinquenza e insicurezza. Per questo colpisce il richiamo alla sicurezza di quegli esponenti politici i cui partiti hanno detto sì all’indulto.

Perché mentre le famiglie che subiscono una tragedia vengono di fatto abbandonate dalle istituzioni, i carcerati non solo beneficiano di assurdi sconti di pena, ma hanno a disposizione psicologi, servizi e l’attenzione degli enti pubblici. Un piccolo esempio? Alla Festa della Donna ministre e assessori portano i fiori alle carcerate, mentre le mamme e le mogli delle vittime rimangono sole con il dolore per le perdite dei propri figli, dei propri mariti e dei propri cari.

Dei 26.981 detenuti indultati nel Paese ben 7.180 sono già tornati nelle patrie galere perché hanno nuovamente commesso reati. Alle oltre 7000 famiglie vittime della delinquenza qualcuno dovrebbe porgere le proprie scuse.

icon1 Scritto da: Lega Nord Landriano | In: Informazione Locale, Informazione Politica
Il: 7 11 2008| Nessun Commento »
ott 28

Apprendiamo da La Provincia Pavese l’ennesima pagliacciata di questa Amministrazione. Come altro definire il comportamento di chi prima spende soldi pubblici, e poi chiede ad un esiguo numero di cittadini cosa preferisce?

Non è un comportamento serio e responsabile spendere 450.000 euro in lavori stradali, e poi porre la domanda “cosa volete fare?” Prima si fanno le domande, e poi si incomincia a lavorare: crediamo che in ogni famiglia intelligente le decisioni vengano prese in questo modo.

Assolutamente opinabile la scelta di effettuare un “sondaggio telefonico”, che a quanto pare non è certificato in alcun modo e non dà alcuna garanzia a proposito della scientificità sul campione scelto o sui risultati. Secondo i dati che abbiamo letto non sarebbero stati contattati meno del 10% di cittadini. E tutti gli altri 5000 abitanti di Landriano? Loro non hanno voce in capitolo? Cosa dire poi di chi non ha una linea telefonica fissa e non ha avuto la possibilità di essere interpellato?

E’ evidente che questa operazione non è nient’altro che un modo per creare un falso consenso di fronte ad una scelta che doveva essere fatta dai Landrianini negli scorsi mesi, non certo ora a giochi fatti. Ancora più evidente è il gesto di dare il “contentino” al popolo, facendogli credere di poter scegliere quando non è affatto così.

La domanda che ci poniamo è perchè i Landrianini allora non siano stati interpellati anche su scelte decisamente più importanti che hanno reso la qualità della vita del nostro paese radicalmente cambiata rispetto a quello che era solo 15 anni fa. Perchè è stato dato un secco rifiuto quando i Landrianini chiedevano in maniera civile e democratica un referendum popolare mentre oggi si fanno i sondaggini telefonici? La risposta, purtroppo, la conosciamo tutti.

Il Direttivo Lega Nord Landriano

icon1 Scritto da: Lega Nord Landriano | In: Informazione Locale, Informazione Politica, Lega Nord
Il: 28 10 2008| Nessun Commento »
set 26

L’emergenza criminalità non sembra avere termine. Mentre parlavamo delle aggressioni agli automobilisti, proprio ieri sera si è perpretato l’ennesimo atto criminale.

Ecco l’estratto dell’articolo apparso su La Provincia Pavese di oggi:

Se mi sono spaventata? Direi proprio di sì. Quello ha puntato la pistola contro la mia collega“. E’ il racconto di una delle tre cassiere presenti durante la rapina. La dipendente ha ancora negli occhi lo spavento provocato dall’irruzione, nel supermercato, dei tre rapinatori. Il responsabile del supermercato non le dà l’autorizzazione a parlare, ma lei, per pochi secondi, si sfoga. “C’ero anch’io, spiega. Ho visto uno di loro con una pistola in mano, ma non l’ha puntata contro di me, bensì verso la mia collega. E’ stato terribile“.

Desideriamo esprimere la nostra solidarietà alle lavoratrici ed a tutto il personale dell’Eurospar di Landriano.

icon1 Scritto da: Lega Nord Landriano | In: Informazione Locale
Il: 26 09 2008| Nessun Commento »
set 25

Apprendiamo con amarezza degli episodi criminali che hanno visto coinvolto il nostro territorio. Due automobilisti sono infatti stati vittime di rapine ed uno di essi è stato costretto a cure mediche. Viviamo con preoccupazione la presenza di bande criminali che vagano al calar nella notte tenendo agguati ad ignari passanti. Si badi bene che non facciamo alcuna distinzione tra italiani, europei o extracomunitari con o senza permesso: sono questioni che non ci interessano quando c’è in gioco la sicurezza dei nostri cittadini.

Il Ministro Maroni ed il Ministero dell’Interno hanno messo a disposizione dei Sindaci nuovi strumenti per la lotta all’illegalità, ma non ci sembra che a Landriano la questione sia stata presa con la dovuta serietà. Non ci si può lavare la coscienza dicendo di aver installato qualche telecamera nelle vie del paese, quando è evidente che per certi personaggi le telecamere non sono affatto un deterrente. Vediamo con dispiacere che sempre più landrianini montano sbarre alle proprie finestre, decidendo di vivere in prigione quando invece i veri criminali sono in libertà grazie a cavilli di ogni genere. Questo è il sintomo della poca fiducia dei nostri cittadini nei confronti delle istituzioni, e sinceramente non possiamo dar loro torto.

Dicevano che il Ministro Maroni voleva militarizzare le nostre città, portando l’esercito sotto le nostre case e rendendo i sindaci italiani dei piccoli sceriffi. Ancora una volta qualche fatto di cronaca è venuto a bussare alle porte delle nostre case, ricordandoci che la delinquenza e la violenza più becera e violenta sono lì che ti aspettano. E colpiscono, infischiandosene delle tavole rotonde di quei perbenisti che sanno solo demonizzare delle proposte concrete senza averne delle proprie. Una violenza che, se non viene spezzata con delle misure adeguate, diventa un’onda che colpisce e annienta nel fisico e nell’animo le persone che si trovano a passare di lì.
Leggi tutto l’articolo »

icon1 Scritto da: Lega Nord Landriano | In: Informazione Locale
Il: 25 09 2008| Nessun Commento »

« Articoli Precedenti