"Le dichiarazioni divulgate, attraverso un’agenzia, da alcuni organi di informazioni italiani non provengono affatto dal Commissario competente per materia, ma semplicemente dal portavoce del Commissario Orban, incaricato per il multilinguismo, l’italiano Petrucci. A cio’ si aggiunge il fatto che, in tutta evidenza, chi fa circolare preventivamente queste critiche non ha la piu’ pallida idea ne’ dell’esatto contenuto del provvedimento predisposto dal ministro Maroni, ne’ tanto meno della prassi in uso da tempo, da parte della stessa magistratura per i minori per l’identificazione dei minori stranieri, anche attraverso esami antropometrici". Lo afferma il capo-delegazione della Lega Nord al Parlamento europeo, Mario Borghezio. "Siamo di fronte -aggiunge- ad una tempesta in un bicchier d’acqua: un’evidente montatura politica innescata da esternatori che, come ben denunciato di recente dal presidente Berlusconi, non contribuiscono certo a dare dell’operato della Commissione europea un’immagine di serieta’ e affidabilita".