Lega Nord Landriano
Apr
3

Il no di Air France è un bene per Malpensa. Ora via alla Legge Marzano

"La proposta di Air France era la cosa peggiore per Malpensa, quindi il suo ritiro è una buona notizia. Adesso il governo deve intervenire per evitare che Alitalia finisca male, visto che ha la responsabilità di aver gestito nell'ultimo anno e mezzo la vicenda nel modo peggiore". Questo il commento del capogruppo della Lega Nord alla camera, Roberto Maroni, al forfait della compagnia area franco-olandese che ha ritirato la sua offerta di acquisizione di Alitalia. "Ci sono gli strumenti per agire - spiega l'esponente del Carroccio -. Noi abbiano introdotto la legge Marzano che ha consentito il salvataggio di Parmalat e Volare. Si tratta di un ottimo strumento legislativo. Se nessuno vuole subentrare ad Air France l'unica altra alternativa sarebbe infatti il fallimento". Maroni non vuole esprimersi su la presenza o meno di altri compratori. "La cordata la fanno gli imprenditori - dice -. Io non ho titolo per dire se c'è o non c'è. E credo che la politica debba starne fuori". Per quello che riguarda poi le accuse incrociate fra Romano Prodi e i sindacati dopo il fallimento della trattativa con Air France, l'exministro del Welfare invita a concentrarsi sulle cose concrete. "Adesso bisogna davvero evitare che volino gli stracci - aggiunge -. Le responsabilità sono tante e diffuse. Ma i sindacati hanno comunque fatto il loro mestiere: tutelare i posti di lavoro. Cosa che non ha invece fatto il governo in quest'ultimo anno e mezzo, Facendo piuttosto di tutto per far fallire Alitalia".

Duro il coordinatore delle segreterie nazionali della Lega Nord: "Si sta realizzando la profezia secondo cui Prodi avrebbe portato l'Italia sull'orlo del baratro e con Veltroni si sarebbe fatto l'ultimo fatale passo in avanti", afferma Roberto Calderoli. Ora, sottolinea l'esponente del Carroccio, "dopo due anni di disastri è arrivato il colpo finale alla credibilita' del paese: la Francia e Air France che abbandonano il tavolo delle trattative di Alitalia, dove l'unica responsabilita', per la gestione della trattativa, e' solo del governo; intanto diventa addirittura incerto il fatto se si potra', o meno, andare al voto il 13 aprile e questo per responsabilita' del ministero degli Interni. Il giudizio della storia su questo governo e su questo periodo  - conclude - sarà pesantissimo".

Articoli simili:

Scritto in Informazione |

Iviate un commento

Nota bene: E' abilitata la moderazione dei commenti. Il vostro commento dovrà essere approvato prima di essere pubblicato.