Lega Nord Landriano
Nov
13

Santoro tappa la bocca a Moncalvo

Image Hosted by ImageShack.usSiamo tutti un po’ bulgari e quando ci toccano dov’è il nostro debole ci scappa l’editto: anche i martiri, o presunti tali, diventano censori, perfino preventivi. Questa volta è toccato a Michele Santoro, già celebrata vittima del famoso ostracismo berlusconiano made in Sofia.

Dopo aver messo sulla graticola i sammarinesi con un servizio di AnnoZero che additava al pubblico ludibrio gli arricchiti della zona come presunti evasori, il nostro è salito su tutte le furie per un articolo de la Voce di Romagna, che si è permessa di sottolineare come, tra i Paperoni della zona, uno dei pochi a non essere stato colpito dagli strali… … del Robin Hood televisivo è stato tal Ilario Annibali, suocero dello stesso Santoro e papà della moglie Sania. Non l’avessero mai fatto. Si sono beccati un annuncio di querela in diretta televisiva e il simpatico epiteto di giornalisti spazzatura.

La sontuosa villa in ristrutturazione nella foto a corollario del servizio, infatti, non è del giornalista ma appunto del suocero. Perché Santoro, ci ha tenuto a precisarlo, quando va in Riviera scende al Grand Hotel. Insomma una gazzarra che ha avuto il merito, o la colpa guardandola dal punto di vista di Santoro, di accendere i riflettori sulla vicenda.

Tanto che quelli di Confronti, la trasmissione di Gigi Moncalvo sempre targata Rai2, hanno chiesto all’inviato Giancarlo Gioielli di andare a fondo di questa querelle rivierasca che tanto aveva fatto infuriare il biondo anchorman. E qui scatta l’editto. Santoro venuto a sapere del servizio, venerdì sera tenta in tutti i modi di impedirne la messa in onda con una raffica di telefonate: ad Antonio Marano, direttore di rete, a Luca Telese, il collega de Il Giornale che con Maria Giovanna Maglie è presenza fissa del programma di Moncalvo, e più tardi allo stesso conduttore. Infine, con una ufficiale lettera di diffida. Insomma, un esempio perfetto di tentata censura preventiva, tra l’altro nei confronti di colleghi che lavorano nella sua stessa rete. Tentata ma non riuscita perché Marano non ha fatto una piega e il servizio è andato regolarmente in onda. Ora non resta che aspettare il seguito nella prossima puntata di AnnoZero.

In Riviera saranno tutti incollati al teleschermo. O forse no, ricchi come sono hanno altro da fare, per esempio andare dal commercialista…

[Data pubblicazione: 12/11/2006]

Articoli simili:

Scritto in Informazione Politica, La Padania |

Iviate un commento

Nota bene: E' abilitata la moderazione dei commenti. Il vostro commento dovrà essere approvato prima di essere pubblicato.